I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione.

Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

  

 

Attualità

Smascherati grazie alle indagini della Polizia


 

Collaboratrice domestica di lunga data in casa di un professionista, ne aveva conquistato la fiducia riuscendo così ad arraffare nel tempo denaro e preziosi. La vittima, constatati i numerosi ammanchi, si è rivolta al Commissariato di Pubblica Sicurezza di Barcellona Pozzo di Gotto i cui agenti sono riusciti a smascherare la colf e a ricostruirne il modus agendi. I controlli incrociati sui monili che i compro oro denunciano mensilmente hanno permesso infatti di rintracciare alcuni dei preziosi scomparsi da casa del professionista. Erano stati rivenduti dal marito della donna che aveva così provveduto a liberarsi degli oggetti e a ricavarne quanto più possibile. Per un anello ed una collana l’uomo era riuscito a racimolare 730 euro. La donna è stata denunziata per furto continuato, il marito per ricettazione.


Redazione 

 

Comments

Ancora allerta meteo


Estesa anche a domani Venerdì 7 Novembre la chiusura delle scuole nel territorio Pattese, a causa dell'allerta Meteo diramata oggi dalla Protezione Civile di Messina.


Comments

Bloccato appena in tempo il titolare della Rosticceria "La Coccinella"


Si cosparge,  buona parte del corpo di benzina, pronto per le estreme conseguenze, ma per fortuna viene bloccato in tempo dal repentino  intervento di alcune persone. E’ stato questo il disperato tentativo, messo in atto dal proprietario del negozio di rosticceria “La Coccinella” di via Cristoforo Colombo, Giuseppe Furnari, per evitare che il carro attrezzi spostasse la sua macchina in modo da eseguire l’ordinanza di rimozione forzata  della canna fumaria, decisa dal  Comune. “E’  da mesi – spiega la moglie del titolare Emanuela Cottone – che cerchiamo di risolvere la situazione, prodigandoci in tutti i modi, per cercare di metterci in regola e purtroppo si è scatenato questo gesto per la disperazione di mio marito. Tra l’altro  abbiamo tutta la documentazione,  sul fatto che ci siamo  mossi per cercare di cambiare il ciclo produttivo. In pratica noi dovevamo cambiarlo per filtrare i fumi. Questa è la dimostrazione  ci stavamo attivando, pur non avendo la certezza che questi filtri andassero bene. Per cui poteva succedere che il sanitario in qualsiasi momento a seguito di controlli,  poteva  non dare la sua autorizzazione. Tra l’altro, sappiamo che il nuovo regolamento dovrebbe  andare in consiglio  comunale per essere approvato. Si poteva quindi discutere di una eventuale proroga, invece è stata fatta l’ordinanza ed eseguita immediatamente, il tutto senza tener conto dei lavoratori e di persone che da anni lavorano qui dentro”. La produzione adesso sarà interrotta, cosa farete con i dipendenti?.  “Al momento mio marito è molto confuso, provato da questa situazione e  per il gesto compiuto, si vedrà nei prossimi giorni. Ovviamente non si potrà panificare, non essendoci più la canna fumaria, per cui  verrà valutata eventualmente di trasportare il pane dall’altro  negozio di Via Trieste, in modo da non lasciare a casa questi operai”. 

Redazione 


 

Comments

Al via agli intervernti


Prosegue l’impegno  del Senatore Bruno Mancuso per l’inserimento, nell’agenda degli interventi programmati dal Governo, delle istanze più importanti provenienti dal territorio siciliano ed in particolare dalla provincia messinese e dalla zona tirrenico-nebroidea.

L’esponente del Nuovo Centro Destra è intervenuto in sede referente, nelle commissioni riunite 8^ e 13^ (Lavori pubblici e Territorio e Ambiente), nell’ambito del dibattito sulla conversione in legge del decreto.

Sblocca Italia, per sottolineare la necessità dell’inserimento nei piano del Governo del completamento del raddoppio ferroviario della tratta Messina-Palermo: "Pur ritenendomi parzialmente soddisfatto per l'impostazione generale, in particolare per gli investimenti previsti in territorio siciliano – ha detto Mancuso – voglio sottolineare il mio disappunto per l'ulteriore e reiterata disattenzione da parte del Governo verso il completamento del doppio binario sulla tratta Messina-Palermo lungo la dorsale settentrionale.

Un intervento infrastrutturale – continua Mancuso – di notevole importanza strategica sia per un collegamento più veloce tra il capoluogo dell'isola e il resto d'Italia sia per la valorizzazione del territorio dei Nebrodi, eccessivamente penalizzato nella rete dei trasporti e a rischio di marginalità e desertificazione”.

Mancuso ha quindi ricordato ai membri delle commissioni come l'attuale linea sia eccessivamente pericolosa ed a rischio incidenti. “Voglio raccomandare al Governo - ha concluso Mancuso – di valutare l'opportunità di dotarsi di un progetto di livello definitivo e di inserire nelle opere infrastrutturali di interesse strategico il potenziamento e definitivo completamento della tratta ferroviaria Messina-Palermo diretta lungo la settentrionale sicula".


 

Comments

Le domande dovranno essere presentate entro il 25 settembre 2014

Il 28 luglio 2014 il Comune di Patti ha disposto che i conduttori di immobili ad uso abitativo possono

beneficiare delle provvidenze economiche previste dalla legge 431/98. 

Per presentare domanda occorrono determinati requisiti. 

Come si legge dall’avviso, per accedere ai contributi è necessario possedere dei requisiti minimi, che sono 

raggruppati per fasce. Infatti quelli appartenenti alla fascia A devono possedere un reddito annuo 

complessivo rispetto al quale l’incidenza del canone di locazione risulti non inferiore al 14%, per l’anno 

2013 questa somma ammontava ad € 12.881,81 mentre gli appartenenti alla fascia B devono possedere un 

reddito annuo complessivo non superiore a quello determinato dalla regione per l’assegnazione degli 

alloggi di edilizia residenziale pubblica rispetto al quale l’incidenza del canone di locazione risulti non 

inferiore al 24% per l’anno 2013 questa somma corrispondeva ad € 14.838,27. 

Requisiti comuni per entrambe le fasce sono: non essere titolari di diritti di proprietà, usufrutto, uso e 

abitazione su alloggi o locali ad uso abitativo sfitti siti in Patti o in zone limitrofe; di non essere titolari di un 

contratto di locazione stipulato tra parenti e affini entro il secondo grado o tra coniugi non separati 

legalmente e di non essere in possesso di contratto di locazione di unità immobiliari, di proprietà pubblica o 

privata debitamente registrata. 

Per le famiglie che includono persone con più di 65 anni di età o disabili è prevista la possibilità che il 

contributo da assegnare venga aumentato fino al 25%. 

 

La domanda potrà essere presentata entro il 25.09.2014. 

{loadposition pubblicitàadsense}

Comments

Sede e Contatti

  • Via Andrea  Doria, 8 - 98066 Patti Marina, Messina
  • omnianewsit@gmail.com
  • 0941 193 0431