I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione.

Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

  

 

 

 

Consiglio Comunale in seduta aperta, su “gestione emergenza migranti forme di accoglienza possibili”.

Giorno 4 agosto alle ore 16:00 si è svolto a Patti un Consiglio Comunale in seduta aperta, straordinaria ed urgente con un unico punto all’OdG, ossia “gestione emergenza migranti forme di accoglienza possibili”.

Si è discusso della possibilità che il Comune di Patti aderisca al progetto SPRAR, riscontrando negli interventi dei consiglieri una marcata frammentazione ed una spiccata difformità di pensiero.

Anche il MeetUp “Valle del Timeto” era presente, prima d’ogni altra cosa, per ascoltare le opinioni e le preoccupazioni, dei cittadini in merito a questa iniziativa.

Quella che è stata chiara fin da subito, è la scarsa conoscenza della materia da parte dei nostri concittadini. In particolare, molti, confondono la prima accoglienza con il “Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati”.

Nel progetto SPRAR vengono inserite tutte quelle persone migranti che, avendo già superato tutti i controlli di prassi e la profilassi sanitaria, sono ritenute idonee al progetto di integrazione ed inserimento lavorativo.

Siamo d’accordo con i Consiglieri Tripoli e Prinzi che la situazione a livello regionale sia diventata insostenibile e che, realmente, il Prefetto per far fronte all’emergenza potrebbe imporre l’accoglienza forzata in strutture che possano essere considerate idonee, e quindi, aderire al progetto SPRAR rappresenti la soluzione migliore per controllare il flusso migratorio verso il nostro territorio.

Gli attivisti del MeetUp Valle del Timeto sono, in linea di massima, favorevoli a forme di accoglienza che rispettino la dignità dei migranti ed il tessuto sociale delle comunità destinate ad accoglierli, chiedono però un progetto definito, fin da subito e nei minimi dettagli, e sapere come si intende operare al fine di prevenire l’odiosa pratica di speculare sulla pelle di queste povere persone che scappano dai loro paesi attraversando infiniti pericoli per terra e per mare.

Troviamo, infine, condivisibile il pensiero del Presidente dell’associazione “Patti Città Viva” Max Mannelli, che siano altri gli strumenti da scegliere per interpellare la cittadinanza.

Una seduta di Consiglio Comunale, seppur aperta al pubblico, alle ore 16:00 di un giorno feriale, non può che ottenere una partecipazione troppo esigua per dirsi, anche minimamente rappresentativa.

Chiediamo, quindi, all’Amministrazione di rendere più partecipe la popolazione con metodi quali gli incontri di quartiere promossi con l’ausilio delle Consulte.

Sede e Contatti

  • Via Andrea  Doria, 8 - 98066 Patti Marina, Messina
  • omnianewsit@gmail.com
  • 0941 193 0431