I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione.

Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

  

 

Sport

 

 

 

Arriva la prima vittoria in trasferta per la Lax Assicurazioni Patti che sbanca il PalaMalè battendo 58-70 la Stella Azzurra Viterbo. Un match condotto da Patti per quasi tutto il tempo di gioco, in cui ha scavato il solco decisivo nel secondo quarto, per poi mantenere il vantaggio in maniera ordinata fino alla fine della gara grazie ad una grandissima prova difensiva.
La squadra laziale parte con Rovere, Fowler, Ianuale, Cianci e Listwon. Lo Sport È Cultura risponde con Nino Sidoti, Gullo, Bolletta, Costantino e Cicivè. Viterbo sembra molto carica e con un paio di triple di Fowler costringe al timeout coach Sidoti sul 22-11. Patti reagisce e sul finale di quarto Gullo è protagonista con due tiri liberi e una palla recuperata che frutta altri due punti chiudendo la prima frazione sul 25-19. Lo  Sport È Cultura ha bisogno di una reazione e ci pensa Babilodze con due triple, poi Cicivè e Gullo chiudono il parziale di 11-0 (25-30) che costringe al timeout coach Fanciullo. Viterbo prova a reagire con una tripla di Ianuale ma Patti preme sull’acceleratore e, grazie a un canestro di Busco, chiude il primo tempo sul +10 (32-42). Al rientro Viterbo prova a rosicchiare qualche punto ma Patti chiude l’area in difesa e arriva al massimo vantaggio (+13 con una tripla di Gullo). La squadra laziale non riesce a trovare ritmo in attacco anche se, sul finale della terza frazione, accorcia a -7 (48-55) grazie a due tiri liberi di Fowler. Nell’ultimo quarto qualche problema di falli mette in apprensione coach Sidoti e quando Viterbo arriva a -4 (55-59), Patti non si scompone e reagisce con Costantino e Babilodze, riuscendo a tornare sul +13, parziale che spezza definitavamente le gambe alla Stella Azzurra, chiudendo anzitempo il match. 58-70 il risultato finale.
Una vittoria di squadra, sicuramente non dall’esito scontato come quello zero in classifica della squadra laziale poteva fare presagire. Grande intensità difensiva durante tutto il match, soprattutto nel secondo quarto, e grande concretezza nei momenti clou della gara. I ragazzi hanno dimostrato di leggere bene le situazioni offensive e difensive, lottando su ogni pallone dall’inizio alla fine e rispettando il piano partita. Dopo la prima soddisfazione in trasferta di questo campionato, da domani la squadra sarà già al lavoro per preparare la partita interna contro Palestrina che, in compagnia di Valmontone, con cinque vittorie su altrettante partite non ha ancora sentito il sapore della sconfitta.

Tabellini: 58-70 ( 25-19 / 7-23 / 16-13 / 10-15)

Stella Azzurra Viterbo: Ingrillì, Listwon 8, Ciampaglia, Fowler 24 (6 rimbalzi), Meroi, Rovere 6, Cianci 3, Casanova, Marcante n.e., Ianuale 17 (9 rimbalzi).  All. Fanciullo

Sport È Cultura Patti: Sidoti Ant. 10, Ettaro n.e., Accordino n.e., Sidoti Ale. n.e., Babilodze 19 (5 rimbalzi), Costantino 10, Bolletta 6 (12 rimbalzi), Cicivè 10 (8 rimbalzi), Gullo 17, Busco 4.  All. Pippo Sidoti

Comments

 

 

COMUNICATO STAMPA

 

La Saracena Volley batte il Cus ed esordisce vincendo

 

La All Work Saracena Volley vince soffrendo nell’esordio stagionale in Serie C contro il Cus Messina. La squadra allenata da mister Mauro Silvestre ha chiuso l’incontro per 2-3 (25-22; 25-22; 15-25; 16-25; 5-15) dopo essere stata sotto due set ed aver offerto una brutta pallavolo senza riuscire ad entrar in partita. 

Sul 2-0 però è arrivata la reazione delle atlete del presidente Luca Leone che sono riuscite ad imporsi vincendo i tre set successivi e chiudendo l’incontro conquistando due punti che, visto l’andamento della gara, sono più che guadagnati, ma rispetto alle attese della vigilia, si portano il rammarico di un punto perso.

L’avvio di gara è stato molto contratto per la Saracena Volley, priva della palleggiatrice titolare Carmen Sergi, infortunata. La regia è stata affidata ad Antonella Magistro che, scesa in campo forse sentendo troppo il peso della responsabilità, ha faticato a trovare il ritmo partita condizionando il gioco di tutta la squadra. Quando, però, ha preso coscienza delle proprie possibilità ed ha iniziato a palleggiare con maggiore tranquillità, nonostante una botta alla mano che l’ha costretta a stringere i denti per restare in campo, la partita ha cambiato decisamente volto e la Saracena è riuscita a recuperare i due set persi in avvio ed imporre il proprio gioco con facilità conquistando una vittoria sofferta, ma fortemente voluta.

La nota positiva della gara è stata sicuramente la reazione dopo un inizio da dimenticare. Quando, infatti, la partita sembrava indirizzata verso il 3-0 è uscita la forza del gruppo che non si è arreso ed ha lottato su ogni palla per conquistare una vittoria che, alla fine, è stata più che meritata.

«Quando si gioca male è importante, comunque, riuscire a vincere – ha commentato mister Mauro Silvestre. Abbiamo ancora molti meccanismi di gioco da sistemare e sono tanti gli aspetti tecnici che dobbiamo allenare. Ci prendiamo questo risultato positivo, ma non posso ritenermi soddisfatto per il gioco espresso in quanto possiamo dare molto di più. E’ stata sicuramente incoraggiante la reazione della squadra sul 2-0 che, non riuscendo a giocare bene, ha messo in campo il cuore ed fatto uscire il carattere. Abbiamo cercato di cambiare anche un po’ il nostro gioco adeguandoci all’andamento della partita riuscendo a vincere e questo è quello che conta. Adesso ci rimetteremo subito al lavoro per preparare il prossimo impegno».

 

Cus Messina – Saracena Volley 2-3 (25-22; 25-22; 15-25; 16-25; 5-15)

Cus Messina: Maisano, D’Arrigo, Raccuia, Giuffrida, Pale, Venuto, Chiofalo, Amena, Alibrandi, Sgambati, Micale, Giglio (l1), Currò (l2). All. Valentina Leandri

Saracena Volley: Reitano, Taviano, Tripi, Magistro A., Foraci Va., Merlo, Lupatelli, Ferraccù, Tumeo, Magistro E., Agnello, Foraci Ve. (l1), Anastasi (l2). All. Mauro Silvestre.

 

 

Comments

 

 

Domenica si va a Viterbo per la 5^giornata del campionato di serie B nazionale di pallacanestro. La squadra laziale, allenata da coach Umberto Fanciullo, è alla ricerca dei primi punti in classifica dopo aver maturato quattro pesanti sconfitte. L’ultima contro il Planet Basket Catanzaro (battuta in casa da Patti alla 2^giornata), aggravata soprattutto dalle assenze di due giocatori importanti comeMarcante e, per la seconda metà di gara, Ianuale. Fino ad ora il Balletti Park Hotel Viterbo ha collezionato numeri non proprio confortanti: peggior attacco del campionato con 57,3 punti segnati e peggior difesa con ben 86 punti subiti a partita e, ovviamente, zero punti in classifica. Il giovane 20enne Luca Fowler è il miglior realizzatore con 14,5 punti di media mentre Listwon il miglior rimbalzista con 4,3 rimbalzi a partita. Patti ha sicuramente dimostrato di poter giocare un’ottima pallacanestro ma è reduce da due sconfitte consecutive (Teramo e Maddaloni) e sicuramente manca di precisione al tiro, purtroppo quasi una costante in queste prime 4 gare di campionato. La squadra di coach Sidoti infatti ha nel tiro da tre punti una delle percentuali più basse del girone C con il 29%, dovuta soprattutto alla mancanza di tiratori ‘puri’ dai 6,75. In questo momento però, la statistica più positiva è sicuramente quella che riguarda la difesa che ha permesso allo Sport è Cultura Patti di subire meno di 70 punti a partita e quindi di sopperire ali errori in attacco (63,3 punti fatti a partita). Uno dei giocatori più interessanti del roster pattese, ma anche di tutto il girone, è Levan Babilodze, classe ’98, guardia/ala proveniente dal settore giovanile dell’Orlandina Basket, con cui abbiamo scambiato due parole.
“Domenica abbiamo una partita importante – ci dice Levan – daremo il nostro meglio in campo per vincere, sono fiducioso e fisicamente sto bene. Sul suo progresso – Devo migliorare un po’ in tutti gli aspetti del gioco ma soprattutto in difesa. Questione di fiducia – In queste ultime due partite ci è mancata solo un po’ di fiducia, dobbiamo credere in noi stessi già da domenica. Infine sul suo futuro ci dice – Voglio fare bene con questa maglia, fare un buon campionato ed acquisire esperienza. In futuro non so che mi aspetta, sicuramente spero di giocare in serie A e in Eurolega.”
Grandi ambizioni per un grande talento. Intanto si riparte da Viterbo per un match fondamentale per il prosieguo delle due squadre in questo campionato in cui nessun risultato è scritto in partenza.

Dario Caranna
Ufficio stampa Sport è Cultura Patti

Comments

 

 

Seconda sconfitta consecutiva per la Lax Assicurazioni Patti che cede in casa ai campani del Mecsan Maddaloni 62-70. Non succedeva dal finale di stagione 2014/15 che lo Sport È Cultura perdesse in casa (contro la Costa D’Orlando, campionato di C Silver). Quella fu una sconfitta pesante per quel che riguardava l’accesso ai playoff, quella di ieri invece è stata una prestazione sicuramente sottotono, ma non pregiudica fortunatamente nulla in chiave salvezza.
Patti scende in campo con Gullo, Nino Sidoti, Bolletta, Costantino e Cicivè. Maddaloni risponde con Guagliardi, Esposito, Carrichiello, Luongo e Giammò. La squadra di casa parte un po’ in sordina e trova il canestro con il contagocce, anche Maddaloni fa fatica ma riesce ad allungare grazie ad un break di 7-0 nell’ultimo minuto del quarto (12-18). Coach Sidoti da la carica ai suoi, Babilodze fa 6 punti di fila, Gullo si sblocca e fa 5 triple che bloccano completamente la squadra campana. Coach Monda chiama timeout e prova a limare i danni ma il primo tempo si chiude sul 38-29. Al rientro cambia lo scenario. Patti non trova più la via del canestro, i giocatori in campo sembrano nervosi e le percentuali si abbassano, non riescono più a trovare serenità nelle scelte e ritmo in attacco. Maddaloni sfrutta il momento negativo dei padroni di casa e fa un break importante grazie soprattutto a Carrichiello e De Vincenzo e si porta a +3 alla fine del terzo quarto (46-49). Nell’ultima frazione le due squadre viaggiano punto a punto ma Patti sbaglia troppo tiri aperti e Maddaloni ne approfitta nuovamente andando sopra di 6 punti a 5 minuti dalla fine. Nino Sidoti sembra crederci più degli altri e tiene in partita lo Sport è Cultura ma Maddaloni è più lucida e nel finale fa l’allungo decisivo che sancisce il 62-70 finale.
Una partita giocata bene solo a sprazzi dove si poteva fare sicuramente molto di più. La vera Patti si è vista solo per il primo tempo di gioco ma, anche questa volta, le basse percentuali, soprattutto nei momenti decisivi della gara, hanno pregiudicato una vittoria che era nettamente alla portata dei ragazzi di coach Sidoti. La seconda metà di gara non è stata all’altezza del valore che può esprimere la squadra ma solamente con il lavoro in palestra si può migliorare e far si che quegli errori al tiro con metri di spazio diventino canestri. Ci vuole pazienza, i ragazzi sono giovani e hanno bisogno di un po’ di tempo per conoscere il campionato e leggere bene tutte le situazioni offensive e difensive. Coach Sidoti, dal canto suo, è già al lavoro per affrontare al meglio la trasferta di ViterboDomenica 30 ottobre alle 18.00 al PalaMale’, Patti farà visita al fanalino di coda di questo campionato reduce da una pesante sconfitta a Catanzaro e vogliosa di riscattarsi davanti ai propri tifosi.

Tabellini: 62-70 ( 12-18 / 26-11 / 8-20 / 16-21)

Sport È Cultura Patti: Sidoti Ant. 10, Ettaro n.e., Sidoti Ale. n.e., Babilodze 8, Costantino 11 (6rimbalzi, 4 assist), Bolletta 7 (5 rimbalzi), Cicivè, Innocenti n.e., Gullo 22, Busco 4.  All. Pippo Sidoti

Mecsan Maddaloni: Sansone 11, Guagliardi 8 (7 rimbalzi), Esposito 9, Carrichiello 23 (6 rimbalzi), De Vincenzo 12, Nappi, Luongo 7 (10 rimbalzi), Giammò.  All. Giovanni Monda

 

Comments

 

 

Dopo l’inizio del campionato di serie B anche quello del settore giovanile è alle porte. I ragazzi, che rappresentano il futuro e la linfa di questa società, saranno guidati dagli istruttori federali di minibasket e allenatori FIP: Marco Busco, Alessandro Pizzo, Giuseppe Costantino, l’assistente allenatore Giovanni Cafarelli, il responsabile del settore giovanile Giuseppe Sergi e l’allenatore nazionale Pippo Sidoti. Dopo più di un mese di allenamenti nella società pattese si sono creati dei gruppi numerosi (120 ragazzi) di buon prospetto e, dopo i risultati positivi della stagione passata, la società si appresta a confermarsi e migliorarsi in tutte le categorie. In questa stagione lo Sport È Cultura Patti parteciperà ai campionati Under 20, Under 16, Under 15, Under 14, Under 13 ed Esordienti Competitivo. La stagione comincerà ufficialmente domani alle 17.30 al PalaSerranò con la partita in casa dell’Under 20 contro l’FP Sport Messina .
“Come ormai sanno tutti, noi puntiamo tanto sui giovani – ci spiega coach Pippo Sidoti. Non dimentichiamoci che 7 giocatori della prima squadra sono locali, questo vuol dire che a Patti si lavora bene da questo punto di vista. Quest’anno abbiamo cercato di costruire una struttura che desse continuità al lavoro intrapreso con successo la stagione passata e siamo molto felici. Mazzullo, Pekovic e Babilodze disputeranno l’under 20 ma ci sono tanti altri ragazzi di prospettiva che possono darci tante soddisfazioni come Anzà, Gimmillaro, Antonazzo e Accordino che, pur facendo parte delle giovanili, sono già aggregati agli allenamenti della prima squadra .”
Non ci resta che aspettare di vedere in campo questi giovani talenti che rappresentano il presente ma soprattutto il futuro di questa società che, come l’anno scorso, punta tantissimo alla crescita della pallacanestro attraverso il lavoro sui ragazzi.

Dario Caranna
Ufficio stampa Sport È Cultura Patt

Comments

Sede e Contatti

  • Via Andrea  Doria, 8 - 98066 Patti Marina, Messina
  • omnianewsit@gmail.com
  • 0941 193 0431